041-5794660 info@adimi.org
Print Friendly, PDF & Email

LEGGE DI STABILITA’
Emendamento dispositivi approvato in Commissione Bilancio Camera dei Deputati
Stim.mi
vi inoltro l’emendamento approvato in Commissione Bilancio alla Camera, relativo ai dispositivi usati a livello domiciliare dai malati cronici.
E’ un discreto risultato, ottenuto grazie all’impegno svolto da DIABETE ITALIA, dalle Associazioni delle persone con diabete
, come la nostra, che avevano approvato i dieci punti (IL DECALOGO) sull’autocontrollo sottoscritto dalle società scientifiche ,
In diverse occasioni di incontro avevano sollevato, FAND in particolare , il prezzo unico di rimborso nazionale per i presidi …. come tutti voi sapete.
CONTRO LE GARE AL RIBASSO PER GLI STRUMENTI ,se qualcuno non avesse ben inteso .
INTERPRETAZIONE AMPIA DELL’EMENDAMENTO
Vi si può leggere od interpretare tra le righe, che con decreto del Ministero della Salute, anche attraverso il supporto di Agenas, siano individuati i requisiti indispensabili per l’acquisizione dei dispositivi medici e siano indicati gli elementi per la classificazione degli stessi in categorie omogenee. Aspetto positivo è che, grazie all’emendamento approvato, si garantiscano, al fine delle esigenze terapeutiche, più tipologie per i presìdi utilizzati per la terapia domiciliare delle patologie croniche adattabili ai diversi tipi di pazienti, fatto salvo il principio della valutazione costo-efficacia e per l’individuazione dei prezzi di riferimento.
INTERPRETAZIONE PARCA , ovvero MIOPE NEL CONTESTO della SPENDING REVIEW
Si riconosce il diritto ad essere curati secondo i principi della pratica clinica e terapeutica individuale,…libera scelta degli strumenti ….applicazione del principio del PDTA , resta il vincolo del criterio costo-efficacia …..
Una SERIA programmazione sanitaria a medio –lungo periodo dovrebbe prevedere lo sviluppo di percorsi di cura individuali per evitare le complicanze e l’incidenza futura dei ricoveri ospedalieri, ma dubitiamo fortemente che queste ragioni vengano considerate….
Siamo ben consapevoli che si tratta di un primo passo e che il cammino per raggiungere il nostro obiettivo cioè l’abbandono delle gare per risparmiare…SULLA NOSTRA PELLE sia ancora lungo.
Per la prima volta però è riconosciuto in una legge il principio di personalizzazione dell’utilizzo dei dispositivi medici destinati alla terapia, per le persone affette da patologie croniche. Così pure è importante che si riconosca l’essenza terapeutica del dispositivo.
Avremmo voluto ottenere di più; la proposta di emendamento originale, era infatti diversa.
NB LA TROVATE NELLA CARTELLA DOCUMENTI DELL’ULTIMO CONSIGLIO NAZIONALE FAND 22-23 NOVEMBRE U.S.
E’ importante però aver creato una breccia, così da riconoscere la fondatezza delle nostre ragioni di contrarietà alle gare di evidenza pubblica. E’ apprezzabile la disponibilità del Ministero della Salute, a differenza di quello dell’Economia. E’ un primo risultato, che ci dà la forza per continuare con autorevolezza e determinazione il nostro percorso.
il testo definitivo dell’emendamento che leggerete, ci è stato inviato da Emanuela BAIO .
I firmatari sono membri del Parlamento che si sono poi riuniti in gruppo interparlamentare che opererà per la nostra patologia …
Alla presentazione del gruppo INTERPARLAMENTARE era presente Lorenzo Greco, alla presentazione dell’emendamento in conferenza stampa , vi erano Pasquale Nocella ed il sottoscritto .

Cordialia ,
Egidio Archero
presidente FAND